top of page

3 - La battaglia del Sagra - pt.1

Aggiornamento: 13 mar 2023

LE TERMOPILI CALABRESI


Per le poleis della Magna Grecia il VI secolo a.C è un periodo di grande sviluppo economico e culturale.

Il benessere della popolazione si traduce in aumento demografico e quindi nella necessità di ampliare i propri confini territoriali.


Crotone e Locri assumono ben presto posizioni dominanti.

La prima si espande a nord fino a Sibari e riesce ad assoggettare sotto il proprio dominio anche Caulonia, d’altra parte Locri è un po’ più piccola ma conta sulle alleanze di Hipponion (oggi Vibo Valentia) e Medma.


Le mire espansionistiche e i continui dissidi tra le due potenze le portano spesso a scontrarsi, fino a quando, intorno al 560 a.C, Crotone decide di attaccare il territorio locrese.


La piccola cittadina di Caulonia segna proprio il confine tra le due rivali, ed è proprio qui, lungo le sponde del Sagra (oggi Allaro?), che si svolge la più cruenta e decisiva battaglia.


Tutti conoscono la storia di Leonida e dei prodi 300 spartani che contrastarono l’esercito persiano al passo delle termopili.

Pochi sanno però che questa strategia era stata usata in precedenza in calabria.


Il territorio cauloniese è ricco di gole e stretti passaggi, si pensa che i pochi locresi, circa 10.000, riuscirono a tenere testa a 130.000 crotoniati (numero probabilmente esagerato) nel lembo di terra lungo circa 200 metri che va dalla rupe di Roccella al mare.


Ma nonostante l’audacia e il coraggio del popolo locrese, le sorti della battaglia rimanevano comunque favorevoli a Crotone.


La rupe di Roccella Jonica - Edward Lear 1848
La rupe di Roccella Jonica - Edward Lear 1848

Comments


Commenting has been turned off.
bottom of page